Denti Croazia

Veljača 15, 2015

COME SCEGLIERE IL MIGLIOR DENTIFRICIO?

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 8:34 am


Nella scelta di un buon dentifricio devi tenere presente che il 70% circa del suo contenuto è acqua. Per il restante 30% circa è essenziale che siano presenti tre componenti: tensioattivi (Sodium Lauryl Sulphate),fluoro (Sodium Fluorite) e abrasivi (Calcium Phospate, Silica o Sodium Bicarbonate). I “tensiottivi” sono il sapone dei denti, hanno lo scopo di detergere e sciogliere gli ingredienti non solubili in acqua semplice. Il “fluoro” evita l’assorbimento degli zuccheri, elimina i batteri e quindi laplacca, protegge i denti dagli acidi della saliva e del cibo rinforzandone lo smalto. La concentrazione massima di fluoro per i bambini oltre i 6 anni e per gli adulti deve essere sui 1350-1500 ppm. Per i bambini fra i 3 e i 6 anni concentrazione massima di fluoro 500 ppm. I bambini fino ai tre anni non dovrebbero proprio usare dentifricio ma solo spazzolino e acqua. Gli “abrasivi” sono utili per eliminare eventuali macchie e dare un senso di pulizia esteriore. Inoltre se desideri un’azione lievemente e gradualmente sbiancante preferisci i dentifrici con bicarbonato di sodio o silice che svolgono più un’azione di smacchiamento superficiale non corrosiva. Per un’azione sbiancante più forte ti consiglio di rivolgerti al dentista.
Se preferisci seguire la natura puoi utilizzare un dentifricio alle erbe. Oggi puoi acquistarlo nelle erboristerie o nella grande distribuzione a prezzi contenuti. In genere i dentifrici naturali sono senza coloranti e senza aromi artificiali o prodotti di sintesi. Fra gli ingredienti più comuni troviamo: la mirra che elimina i batteri e quindi è un ottimo antiplacca; l’echinacea che rinforza il sistema immunitario; la camomilla che evita le infiammazioni delle gengive; la salvia che aiuta ad evitare il sanguinamento e rinfresca l’alito così come la menta. Se hai deciso di scegliere un dentifricio naturale e vuoi sbiancare o smacchiare i denti cerca l’eucalipto fra gli ingredienti.

Siječanj 29, 2015

Perché andare regolarmente dal dentista?

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 7:55 am

In presenza di parodontite, i batteri possono entrare nel circolo sanguigno e da qui diffondere ad altri organi, come appunto il cuore; inoltre, lo stato infiammatorio associato alla malattia parodontale, può contribuire all’ispessimento delle masse che ostruiscono le arterie (causando infarto).
Un altro elemento che dimostra la correlazione tra malattia parodontale e rischio cardiaco, è la necessità per i pazienti a rischio di endocardite batterica, di assumere antibiotici prima della seduta di igiene orale o in generale di procedure odontoiatriche che prevedano sanguinamento (American Heart Association).
In conclusione, quando si tratta di salute del cuore, è necessario pensare non solo all’esercizio fisico, alla corretta alimentazione e all’assenza di cattive abitudini (come il fumo), ma anche al mantenimento di una buona igiene orale, con sedute regolari di pulizia professionale, oltre che domiciliare.

Siječanj 20, 2015

Curare i denti dai dentisti in Croazia

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 10:47 am

Avete sentito parlare delle cure dentali in Croazia, dove i costi sono molto inferiori di quelli Italiani? Magari qualcuno di vostra conoscenza è stato già in Croazia e si è trovato bene? Di seguito riportiamo alcune informazioni e risposte alle domande che ci vengono chieste da molti Italiani che vorrebbero venire a curarsi i denti ma non sanno come procedere:

Prima cosa – chiedere dai nostri dentisti di preparare un preventivo gratuito

SE NON DISPONETE DELLA RADIOGRAFIA, potete mandarci un preventivo fatto in Italia, per potere comparare i costi delle cure qui da noi con quelle Italiane.

Una volta decisi di venire – prenotate una visita gratuita per conoscerci ed eventualmente iniziare subito con le cure…

 

Siječanj 11, 2015

I tuoi denti sono sensibili ai cibi freddi? Fattori che scatenano la sensibilità

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 5:13 pm
I tuoi denti sono sensibili ai cibi caldi e freddi? I tuoi denti sono sensibili a bevande troppo calde e fredde o eccessivamente dolci o salate? Esistono molteplici fattori che possono scatenare una fitta o un mal di denti occasionale nei soggetti con denti sensibili.

  • Il 81% dei soggetti avverte una fitta o un dolore quando mangia cibo freddo o assume bevande fredde.
  • Il 25% dei soggetti avverte una fitta o un dolore quando mangia cibo caldo o assume bevande calde.
  • Il 41% dei soggetti avverte una fitta o un dolore quando inspira aria fredda.
  • Il 21% dei soggetti avverte una fitta o un dolore quando mangia alimenti dolci.

Alcuni soggetti presentano sensibilità dentale anche quando spazzolano i denti, in particolare se il risciacquo avviene con acqua fredda.

http://croaziadentisti.com

Siječanj 3, 2015

Resistenza agli Antiniotici

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 4:32 pm

Importante messaggio dell’AIFA: gli antibiotici vanno assunti solo quando indispensabili, seguendo scrupolosamente dosi e tempi di somministrazione indicati dal medico. Tra qualche anno rischiamo di non avere più a disposizione antibiotici efficaci: l’uso sconsiderato di tale farmaco favorisce le resistenze, i batteri imparano a difendersi e inattivare l’antibiotico.

Senza regole gli antibiotici non funzionano!

Prosinac 23, 2014

Curare i denti in Croazia

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 9:18 pm

Clinica Dentalsan, salute e bellezza
per i tuoi denti e per te.

Nata nel 2000 dall’esperienza internazionale dei suoi fondatori, il Dottor Damir e la dottoressa Vivian Jurković, Clinica Dentalsan è la soluzione ideale per prendersi cura dei tuoi denti e anche della tua bellezza.
L’offerta “dentista low cost” in Croazia di Clinica Dentalsan, a soloun’ora dal confine italiano e a 15 minuti da Fiume (Rijeka), rivoluziona il concetto dello studio dentistico, affiancando a un servizio di odontoiatria integrale d’avanguardia e competitivo (diagnosi, estetica dentale, odontoiatria conservativa, protesi fissa e mobile, chirurgia orale, implantologia, parodontologia, pedodonzia, ortodonzia), l’esclusività di una Divisione Wellness e Spa in grado di offrire trattamenti mirati (filler acido ialuronico Restylane) e il relax di massaggi e servizi estetici, tali da rendere la cura dentale anche un momento di piacere.
Scopri i prezzi di Clinica Dentalsan, il tuo dentista low cost economico di fiducia in Croazia.

Prosinac 13, 2014

L’olio extra vergine d’oliva fa bene pure ai denti

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 5:23 pm

 


Da uno studio britannico emergerebbe una correlazione tra il consumo d’olio di oliva e la ridotta presenza di microrganismi patogeni nel cavo orale con minore incidenza di patologie paradontali. www.olioesalute.it è costituito, oltre a quella che è appena stata pubblicata e che interessa il cavo orale (che tratta appunto del rapporto dell’extravergine coi denti, colle gengive, colle mucose e coll’osso alveolare), da altre dodici Sezioni che riguardano il rapporto dell’olio extravergine di oliva e le malattie cardiovascolari, l’invecchiamento cerebrale, le malattie dermatologiche, le neoplasie, le malattie articolari, le malattie gastrointestinali, il diabete, l’osteoporosi, la gravidanza, le malattie dei bambini, l’alimentazione e le malattie degli animali. “La nuova Sezione – racconta compiaciuta la dr.ssa Cinzia Chiarion medico internista ideatore e curatore del sito – è stata realizzata da un dentista che io stimo molto, Lorenzo Massai, il quale da atto degli effetti salutistici che l’olio extravergine di oliva ha sui denti e sulle gengive e che proprio le componenti essenziali dell’olio riducono la tendenza alla demineralizzazione della dentina”. Nella nuova Sezione “Olio e cavo orale” si da anche atto che l’Associazione dei Dentisti Britannici ha recentemente avviato uno studio dal quale sta emergendo una correlazione tra il consumo d’olio extravergine di oliva e la ridotta presenza di microrganismi patogeni con conseguente diminuzione dell’incidenza di affezioni paradontali.

Prosinac 7, 2014

Chi ha inventato lo spazzolino da denti?

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 2:58 pm



La prima attestazione storica dell’esistenza dello spazzolino da denti la ritroviamo molto indietro nel tempo: correva l’anno 3000 a.C. e lo spazzolino consisteva, essenzialmente, di un bastone da masticare con un finale sfilacciato.

In ogni caso, la prima testimonianza scritta che accerta l’uso dello spazzolino è quella tratta dall’autobiografia di Anthony Wood del 1690, nel quale l’autore descrive una scena in cui un certo J.Barret usa, appunto, uno spazzolino da denti.

La prima produzione seriale di questo prodotto oggi di largo consumo, invece, fu affidata aWilliam Addis d’Inghilterra nel 1870, mentre il primo brevetto per uno spazzolino da denti fu di H.N. Wadsworth nel 1857 negli Stati Uniti.

La produzione di massa del prodotto iniziò solamente nel 1885 in America.
Lo spazzolino era costruito con un manico in osso a cui venivano fatti dei fori per applicarvi delle setole fatte con peli di cinghiale siberiano: materiale che poi risultò non
essere igienico poiché tratteneva enormi quantità di batteri.

Ad introdurre le setole sintetiche, solitamente di nylon, fu DuPont nel 1938 e il 24 febbraio 1938 fu messo in vendita il primo spazzolino con setole sintetiche.

http://www.dentistacroazia.com/prestazioni-dentistiche

 

Studeni 29, 2014

DENTI E VACANZE

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 10:20 am

DENTI E VACANZE

Non è raro che un bel viaggio sia rovinato dall’improvvisa comparsa di un mal di denti o dalla rottura di una protesi. Soprattutto se il luogo di vacanza è in un paese lontano, inconvenienti di questo tipo possono rappresentare un serio problema. D’altro canto il caldo estivo e l’esposizione al sole per la consueta tintarella, costituiscono fattori favorenti la comparsa di fenomeni infiammatori e questo spiega il motivo per il quale in certi periodi dell’anno è più facile l’insorgenza di dolore e gonfiore a denti e gengive.
Il primo consiglio per mettersi al riparo da simili rischi, è quello di effettuare una visita di controllo dal proprio odontoiatra qualche settimana prima di mettersi in viaggio, in modo di avere il tempo necessario per le eventuali cure che dovessero risultare necessarie. Questo comportamento prudenziale è quanto mai indicato per quelle persone che hanno una dentatura delicata e sulla quale sono già state eseguite cure di una certa importanza. Non bisogna dimenticare tuttavia che lesioni dentali “silenti” sono di frequente riscontro anche in bocche per il resto sane e quindi un controllo specialistico è sempre e comunque consigliato.
Un’altra buona abitudine, specie se si va all’estero, è quella di portare con se’ un antibiotico ad ampio spettro e un antidolorifico. Tra la moltitudine di antibiotici disponibili, una formulazione tipica e generalmente efficace è amoxicillina + acido clavulanico (*). Occorre tuttavia tenere presente che l’indicazione ad assumere antibiotici dovrebbe essere accertata da un medico, ma in caso di gonfiore e nell’impossibilità di contattare un sanitario il loro utilizzo è sicuramente opportuno.
Per quanto riguarda gli antidolorifici, in linea generale quelli comunemente utilizzati hanno tutti un’efficacia simile e pertanto la scelta può ricadere su quello abitualmente assunto quando si ha, ad esempio, mal di testa o mal di schiena. Ricordate che questi farmaci vanno presi a stomaco pieno e, soprattutto, senza esagerare con le quantità, perché i possibili effetti collaterali non sono rari e risentono dei dosaggi. Se il dolore proprio non si attenua, significa semplicemente che vi serve con urgenza… un dentista!
Per coloro che si trovano a partire con un lavoro protesico non ancora completato (i cosiddetti “provvisori”), può essere utile tenere a portata di mano un kit di fissaggio, acquistabile in tutte le farmacie. Nel caso di un accidentale distacco del provvisorio, questi kit consentono di risolvere l’inconveniente con buona sicurezza.
Infine, non dimenticate di portare con voi il numero di reperibilità del vostro odontoiatra, un consiglio telefonico del medico che conosce la vostra bocca sarà sicuramente prezioso.
Buon viaggio!

Studeni 22, 2014

DENTI E FUMO

Filed under: Denti Croazia — bosiljka @ 8:23 pm

Denti e fumo/Denti e sigarette

è un binomio pericoloso, la bocca nel suo insieme di mucose e denti rappresenta la prima parte del nostro organismo che viene a contatto con il fumo e con i danni che esso provoca.

Quali sono i danni del fumo sui denti?

Lo sapevate che l’abitudine di fumare un pacchetto di sigarette al giorno può causare la perdita di almeno 2 denti ogni 10 anni (secondo quanto riportato dall’Accademia Generale dell’Odontoiatria).
Secondo i risultati di due distinti studi, durati 30 anni, che hanno analizzato il rapporto tra fumo e perdita dei denti in uomini e donne, alla Tufts University di Boston, i fumatori hanno all’incirca il doppio delle probabilità di perdere i denti rispetto ai non fumatori.
Tra i danni immediati causati dal fumo, sia esso di sigaretta, pipa o sigaro, c’è quello estetico; chi fuma, infatti, dovrà vedersela con denti macchiati, chiazze giallastre, cambiamenti nella percezione del gusto e dell’olfatto, i denti, infatti, dopo solo poche settimane da che si inizia a fumare, mostrano un annerimento della superficie, un’opacizzazione dello smalto dentale ed un’aumentata tendenza alla formazione di placca e tartaro, che si lega tenacemente al dente, divenendo difficile o quasi impossibile da rimuovere con la pulizia quotidiana, per cui si richiede più frequentemente che nei non fumatori una seduta di igiene orale dal dentista, anche perché placca e tartaro, creando delle sacche gengivali, provocano gengiviti e carie.

Cavo orale, denti e gengive subiscono molti danni a causa dal fumo

Questi danni, definiti danni tardivi, vanno dalla semplice gengivite alla contrazione della gengiva stessa, ecco perché con il passare del tempo il rischio di

edentulismo nei fumatori

ovvero della perdita totale dei denti per i fumatori, è decisamente superiore rispetto ai non fumatori. Recenti studi hanno dimostrato che i fumatori subiscono danni a carico del

legamento parodontale

, ovvero quel legamento che tiene il dente legato all’osso, causandone un precoce distacco.
Altri studi hanno, inoltre dimostrato che nei figli di fumatori si riscontra una

riduzione della maturazione dei denti

del 35% rispetto ai loro coetanei con genitori non fumatori.
Molte sono le sostanze tossiche presenti nelle sigarette responsabili dell’insorgenza di tumori nel cavo orale e tra queste le più note sono gli idrocarburi aromatici e le nitrosamine del tabacco. Il binomio fumo e alcol rende le mucose più facilmente penetrabili alle componenti cancerogene del tabacco, per questo chi fuma corre il rischio di sviluppare un tumore al cavo orale 5/6 volte maggiore rispetto a chi non fuma e non beve alcolici. Il rischio inoltre è di 10/15 volte maggiore negli uomini rispetto alle donne.
Tutti i fumatori sono quindi invitati a farsi controllare periodicamente dal proprio dentista.

Sigarette e implantologia

L’implantologia dentale, che si occupa della sostituzione dei denti con radici artificiali, sconsiglia gli interventi su persone fumatrici in quanto quasi sicuramente destinati all’insuccesso. Le sigarette sono responsabili, inoltre, del peggioramento del decorso dei vari trattamenti odontoiatrici come l’estrazione di un dente.
Schematizzando possiamo dire che

i principali disturbi del cavo orale causati dal fumo

sono:

  • Insorgenza di tumori
  • Gengiviti
  • Formazione di placca e carie
  • Contrazione della gengiva
  • Perdita dei denti
  • Rischio di perdita degli impianti
  • Macchie ai denti
  • Alterazione del gusto e dell’olfatto
  • Alitosi

 

 

Older Posts »

Powered by WordPress